I compressori Mattei della serie Classic lavorano instancabili gli pneumatici Pirelli in occasione dei più importanti appuntamenti motociclistici del circuito europeo.

Un’operazione che si svolge a bordo delle innovative “officine mobili” messe a punto da Pirelli, in collaborazione con il suo partner strategico Promoidea.

Ogni anno i nostri tecnici si occupano di circa 35.000 pneumatici”. A bordo di queste innovative autofficine mobili, i compressori Mattei contribuiscono a “lavorare” gli pneumatici in tempi record: “Mattei ci accompagna dall’inizio di questa avventura, nel 2002. Abbiamo preferito la tecnologia rotativa a palette per i suoi indiscutibili vantaggi, che hanno fatto dei compressori Mattei un investimento vincente nel tempo” afferma Rossi. “Abbiamo fornito a Promoidea 16 compressori ERC della serie Classic. Si tratta di macchine a telaio aperto con potenze da 2,2 kW, particolarmente indicate per il settore automotive” aggiunge Flavio Molinari, Responsabile Vendite Italia di Ing. Enea Mattei. “I compressori Mattei, innanzitutto, hanno dimensioni di ingombro molto ridotte, che ci permettono di ottimizzare gli spazi all’interno degli autoveicoli Pirelli. Ogni autocarro è equipaggiato con due compressori Mattei, ma portiamo sempre una macchina di scorta che possiamo movimentare in modo agile su carrelli mobili e sostituire agevolmente in caso di necessità. In secondo luogo, i compressori Mattei sono molto silenziosi e ciò contribuisce ad abbassare l’impatto acustico e, conseguentemente, a diminuire lo stress durante le giornate frenetiche delle gare. Infine, la loro grande affidabilità gli consente di funzionare in modo continuativo senza subire cali di rendimento: per ogni gara montiamo, smontiamo, gonfiamo ed equilibriamo gli pneumatici con cicli di lavoro che arrivano fino a 14 ore consecutive” spiega Rossi. “Oltre alla silenziosità dovuta all’assenza di vibrazioni, i nostri compressori erogano aria di qualità superiore, secca e pulita. Caratteristiche importanti in un ambiente di lavoro di dimensioni contenute e soggetto a cicli di lavoro intensivi come gli autocarri Pirelli – continua Molinari – Inoltre, grazie all’accoppiamento diretto compressoremotore e alla ridotta velocità di rotazione, le macchine Mattei, oltre ad essere molto efficienti, riducono gli interventi e i costi di manutenzione.

Scarica l’articolo completo

CondividiShare on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone