I compressori BOGE conquistano la cantina Fanagoria in Russia

LA SFIDA
Per l’introduzione di azoto all’interno dei serbatoi dov’è contenuto il vino e per azionare l’impianto d’imbottigliamento, questa cantina russa necessita di una fornitura d’aria compressa sicura, efficiente e affidabile.

LA SOLUZIONE BOGE
Due compressori a vite della serie SD 15-350 e SD 20-750 forniscono la quantità desiderata di aria compressa e garantiscono la sicurezza dei processi produttivi e un’efficienza energetica ottimale.

RISULTATO
Grazie a un’affidabile fornitura di aria compressa, la Fanagoria produce oltre 20 milioni di litri di vino all’anno – un quantitativo destinato ad aumentare in futuro!

Resoconto del progetto :

L’azienda JSC APF “Fanagoria” è una delle vinerie leader in Russia. Su un estensione di oltre 2.300 ettari, l’azienda coltiva e pressa i vitigni più famosi e apprezzati al mondo, producendo più di 20 milioni di litri di vino ogni anno – un quantitativo destinato ad aumentare in futuro. Inoltre, alla Fanagoria, vengono prodotti otto diversi tipi di brandy.

Gli eccellenti vini della Fanagoria richiedono un’aria compressa della più elevata qualità – dopotutto per le varie fasi del processo di produzione di questa rinomata cantina a livello internazionale è fondamentale poter fare affidamento su una fornitura di aria compressa assolutamente affidabile. L’azienda si affida dunque a Boge da diversi anni a questa parte.

BOGE ha consigliato l’utilizzo combinato di due compressori a vite con essiccatore a ciclo frigorifero integrato: un compressore BOGE della serie SD 15-350 garantisce aria compressa con lo scopo di introdurre azoto nei serbatoi dov’è contenuto il vino per proteggerlo dall’ossidazione e la putrefazione nonché per prevenire l’entrata dei batteri. Solo in questo modo può essere mantenuta la qualità dei vini durante tutto il lungo periodo di invecchiatura. Un compressore BOGE aggiuntivo della serie SD 20-750 garantisce la fornitura di aria compressa al vino e all’impianto di imbottigliamento del vino frizzante.

CondividiShare on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone